Polizza TCM: le domande più frequenti

il nostro blog

Cos’è e come funziona una polizza TCM? In questo articolo le risposte alle domande più frequenti

La polizza TCM, detta anche Temporanea Caso Morte, offre una protezione importante ai propri cari. Si tratta di un’assicurazione vita che, in caso di prematura scomparsa dell’assicurato, garantisce ai beneficiari designati (coniuge, figli, parenti o chiunque altro) il pagamento di un capitale o di una rendita. È un valido strumento di protezione finanziaria per tutelare il futuro della propria famiglia e dei propri figli, fornendo loro un sostegno economico in un momento difficile e delicato. In questo articolo rispondiamo alle domande più frequenti su questo tipo di assicurazione.

  • Come funziona la polizza TCM?

La persona che sottoscrive una polizza TCM paga una somma di denaro periodica o una tantum all’assicurazione, e in cambio la società con la quale si sottoscrive la polizza corrisponderà ai beneficiari una determinata cifra se l’evento (la scomparsa prematura dell’assicurato) dovesse verificarsi.

  • Qual è la durata?

Una polizza TCM offre protezione per un periodo di tempo definito. Al momento della sottoscrizione, si stabilisce la durata della copertura, che può variare da pochi anni fino a un massimo di 10 o 20 anni. Questa caratteristica rende le polizze TCM particolarmente adatte a rispondere alle esigenze specifiche di persone e famiglie, garantendo loro una sicurezza economica personalizzata.

  • A chi è consigliata un’assicurazione sulla vita?

Sottoscrivere una polizza TCM è una scelta consigliata soprattutto per le famiglie con figli. Questo tipo di assicurazione è particolarmente indicata per i capifamiglia giovani, che siano single o gli unici percettori di reddito all’interno del nucleo familiare. Si rivela utile anche per le coppie che si apprestano ad acquistare casa con un mutuo.

  • Quali sono i soggetti di un contratto di assicurazione sulla vita?

– Contraente: è la persona che sottoscrive la polizza, a cui spetta l’obbligo di versare i premi alla compagnia di assicurazione e di scegliere i beneficiari, ossia coloro che riceveranno la somma assicurata in caso di sinistro.

– Assicurato: è la persona fisica su cui viene stipulata l’assicurazione. Può coincidere con il contraente; in caso contrario, anche l’assicurato deve sottoscrivere il contratto di assicurazione. È importante sottolineare che l’assicurato può essere solo una persona fisica e, al contrario del beneficiario, non può essere modificato durante tutta la durata del contratto.

Beneficiario: è la persona (o più di una) che ha diritto a ricevere la somma assicurata al verificarsi dell’evento. È designato dal contraente, che in qualsiasi momento può revocare o modificare tale scelta.

  • Quali sono i diversi tipi di polizza TCM?

Le polizze TCM si dividono in due tipologie:

Capitale costante: in caso di decesso dell’assicurato, la compagnia eroga al beneficiario il capitale prestabilito nel contratto, senza alcuna variazione.

Capitale decrescente: il capitale che la compagnia liquida in caso di decesso diminuisce gradualmente nel corso del tempo, secondo un piano prestabilito.

  • Come si calcola il premio di una polizza TCM?

Il costo del premio di una polizza vita dipende da diversi fattori, tra cui:

  • Età dell’assicurato • Stato di salute • Tipologia di polizza           • Capitale assicurato
  • Esistono limiti di età per la stipula di una polizza TCM?

Sì, solitamente esistono dei limiti di età che possono riguardare sia l’assicurato che il contraente, in funzione della tipologia di contratto che si vuole stipulare. In genere il limite è fissato a 68 – 70 anni.

  • Quali sono i vantaggi di una polizza TCM?

Le polizze vita sono impignorabili e insequestrabili. Le somme corrisposte ai beneficiari non sono soggette ad azione esecutiva o cautelare. Inoltre, i capitali assicurati con una polizza vita non rientrano nell’asse ereditario e, di conseguenza, non sono soggette ad imposte di successione.

  • È possibile detrarre i premi di una polizza vita?

Sì, i premi di una polizza TCM sono detraibili fiscalmente, nella misura del 19%, fino a un massimo di 530 euro all’anno.

Se stai pensando di stipulare un’assicurazione TCM e hai bisogno di maggiori informazioni, contattaci per una consulenza. I consulenti esperti dell’Agenzia Generale Monza saranno in grado di offrirti in modo tempestivo la soluzione più adeguata alle tue esigenze e chiarire ogni eventuale dubbio.

Foto © designed by senivpetro - Freepik.com

Condividi questo articolo

Guide e consigli sul argomento

Assicurazione casa e auto per i danni da maltempo

leggi articolo

Sport in sicurezza, come evitare gli infortuni

leggi articolo

Pensione, un futuro sempre più incerto per i giovani

leggi articolo

Risk management, l’attacco cyber è tra i rischi più temuti dalle aziende

leggi articolo